Archive for agosto 2007

Grazie (da un piccolo cuore morente)

 
 Una porta socchiusa
 solo il freddo ad entrare
 Luce non ce n’era
 neanche dentro me
 Guardavo al mio io, indietro
 Un grasso, stupido ragazzino
 muto accanto a luoghi, persone, dolori
 e al pensiero di ciò che non era stato
 Poi tu,
 tu…
 Non giacevi piangente dinanzi a me
 ma serena l’immagine del tuo viso,
 pur così lontano,
 fissava un bimbo ventenne
 L’unico a sentir "ti amo"
 e a non poterti stringere, tenera,
 cuore a cuore
 Nessuna bocca da baciare
 ma il suono di quelle parole
 non dette
 eppur pronunciate
 che risuonava, e lo fa ancora,
 in quello stanco petto
 di cui solo tu
 rubasti la chiave.
                             
                               22/08/2006 16:34:18
                         Il tuo Nikki
                         A chi non dimentica un anno d’amore
Annunci

Un ingenuo scritto

 
 Cosa manca in me
 se non ciò che sol tu mi sai dare?
 Delle tue labbra il sapore,
 del tuo corpo il sudore,
 del tuo sguardo il languore,
 del tuo viso l’amore.
 Ti amo, stellina d’argento,
 ti amo, lo sento nel vento
 ti amo, mio sogno infinito,
 ti amo, anello al mio dito.
 Voglie dilaganti,
 nutrite da ciò che è stato già
 Attimi splendenti
 che il tempo non ruberà
 Amo,
 amo ancora come un bambino
 e nulla impedirà
 che io ti stia vicino.
                                         Tuo per sempre
                                         Nikki
 

He Knows, You Know

   Lui Sa, Tu Sai
 
Problems, problems, problems, problems
   Problemi…
 
Light switch, yellow fever, crawling up your bathroom wall
   La luce accesa, febbre gialla, qualcosa sta strisciando dulla parete del tuo bagno
Singing psychedelic praises to the depths of a china bowl
   Innalzando lodi psichedeliche alla profondità di un vaso cinese
You’ve got venom in your stomach, you’ve got poison in your head
   Hai il veleno nello stomaco, ti è arrivato alla testa
You should have listened to the priest at the confession
   Avresti dovuto ascoltare il prete quando ti sei confessato
When he offered you the sacred bread
   e ti ha offerto il pane consacrato
 
He knows, you know, he knows, you know, he knows, you know
   Lui sa che tu sai…
But hes got problems
   Ma hai dei problemi
 
Fast feed, crystal fever, swarming through a fractured mind
   Mangi in fretta, febbre cristallina, sciamando in una mente distrutta
Chilling needles freeze emotion, the blind shall lead the blind
   Gelidi aghi congelano ogni emozione, il cieco guiderà l’altro cieco
You’ve got venom in you stomach, you’ve got poison in your head
   Hai il veleno nello stomaco, ti è arrivato alla testa
When your conscience whispered, the vein lines stiffened
   Quando la tua coscienza sussurrava, la vena si induriva
You were walking with the dead
   Stavi camminando a fianco della morte
 
He knows, you know, he knows, you know, he knows, you know
   Lui sa, tu sai…
Hes got experience
   Lui è esperto
Hes got experience, he knows, you know
   Lui è esperto, lui sa, tu sai
But hes got problems
   Ma hai dei problemi
Problems, problems, problems, problems, problems, problems
   Problemi…
 
Slash wrist, scarlet fever, crawled under your bathroom door
   I polsi tagliati, la febbre scarlatta, qualcosa striscia sotto la porta del tuo bagno
Pumping arteries ooze the problem, through the gap that the razor tore
   Le arterie pulsanti riversano il problema, attraverso l’incisione che hai fatto col rasoio
You’ve got venom in your stomach, you’ve got poison in your head
   Hai il veleno nello stomaco, ti è arrivato alla testa
You should have listened to your analyst questions when yo lay on his leather bed
   Avresti dovuto ascoltare le domande dell’analista quando eri sdraiato sul suo letto di pelle
 
He knows, you know, he knows, you know, he knows, you know
   Lui sa, tu sai…
But hes got problems
   Ma hai dei problemi
 
Blank eyes, purple fever, streaming through the frosted pane
   Occhi bianchi, febbre purpurea, navigano fuori dai vetri gelati
You learned your lesson far to late from the links in a chemist chain
   Hai imparato la lezione troppo tardi, attraverso gli anelli di una catena di farmacie
You’ve got venom in your stomach, you’ve got poison in your head
   Hai il veleno nello stomaco, ti è arrivato alla testa
You should have stayed at home and talked with father
   Avresti dovuto restare a casa e parlarne con tuo padre
Listen to the lies he fed
   Ascoltare tutte le balle che ti avrebbe rifilato
 
He knows, you know, he knows, you know, he knows, you know
   Lui sa, tu sai…
But hes got problems
   Ma hai dei problemi
He knows, you know, he knows, you know, he knows, you know
   Lui sa, tu sai…
Hes got experience
   Lui è esperto
Hes got experience, he knows, you know
   Lui è esperto, lui sa, tu sai
He knows, you know, you know, you know
   Lui sa, tu sai…
You know, you know, you know, you know
   Tu sai…
 
Problems, problems, problems, problems, problems, problems
   Problemi…
Don’t give me your problems!
   Non darmi i tuoi problemi!
                                                           William Derek Dick
 
 

Copione Per Una Lacrima Di Giullare

 
 Eccomi di nuovo qui nel giardino dei cuori infranti
 Una nuova esperienza, qualcosa di nuovo da scrivere
 in un diario tutto mio
 L’ennesimo suicidio emotivo
 Con un’overdose di sentimentalismo ed orgoglio
 E’ troppo tardi per dirti che ti amo
 Troppo tardi per inscenare una nuova commedia
 Lasciandoti dietro tutti i ricordi del mio giardino di una volta
 
 Sto perdendo sulle altalene, sto perdendo sulle giostre
 Sto perdendo sulle altalene, sto perdendo sulle giostre
 Troppo, troppo presto, troppo lontano per andarci,
 troppo tardi per giocarci,
 Il gioco è finito, il gioco è finito
 
 Eccomi di nuovo qui nel giardino dei cuori infranti
 Sto perdendo sulle altalene, sto perdendo sulle giostre
 Il gioco è finito
 
 L’ennesimo suicidio emotivo con un’overdose di
 sentimentalismo ed orgoglio
 Sto perdendo sulle altalene, sto perdendo sulle giostre
 Il gioco è finito
 
 Troppo tardi per dirti che ti amo
 Troppo tardi per inscenare una nuova commedia
 Il gioco è finito
 
 Recito questo ruolo in stile classico: un martire
 dal sorriso distorto scolpito sul volto
 Come sangue le parole di questa canzone
 scorrono nelle mie vene,
 Per scrivere i rituali e rimediare ai torti che ho fatto
 Un epitaffio per un sogno spezzato,
 per esorcizzare quest’urlo silenzioso nato dalla disperazione
 
 Non ho mai scritto questa canzone d’amore
 Le parole sembrava non scorressero mai
 Ora triste nel riflesso, ho forse guardato la perfezione
 ed esaminato le ombre dell’altro lato del mattino?
 Ed esaminato le ombre dell’altro lato del pianto?
 Il matrimonio che era stato promesso ora è diventato una voglia
 Il matrimonio promesso ora si è risvegliato
 
 Lo sciocco fuggito dal Paradiso
 si guarderà alle spalle e piangerà
 Siederà a masticare narcisi cercando di darsi un perchè
 Quando crescerai e lascerai il giardino
 in cui baciasti il tuo principe e trovasti la tua rana
 Ricordati del Giullare che ti mostrò le lacrime,
 un copione per le lacrime
 
 Ed io rimarrò per sempre in pace con me stesso
 quando indosserai il tuo abito da sposa
 Nel silenzio della mia vergogna
 il muto che cantava le canzoni delle sirene
 è rimasto a giocare da solo
 
 Ed io sono rimasto solo a giocare
 Ma il gioco è finito
 
 Puoi ancora dire di amarmi?
 
                                                 William Derek Dick (1983)