Archive for agosto 2008

Mi sono sempre sentito legato a John Norum, chitarrista norvegese degli svedesi Europe,
sarà perchè ne ho sempre ammirato l’abilità o perchè ha lasciato il gruppo all’apice del
successo per non tradire la sua visione musicale, sarà perchè anche da solista mi ha
regalato momenti preziosi o forse perchè siamo nati nello stesso giorno, fatto sta che lui
e la sua Gibson sono stati importanti per me.
Il 21 maggio 2008, Michelle Meldrum, chitarrista e moglie di John è improvvisamente deceduta,
lasciando lui e il loro figlio d’appena quattro anni.
La vita è crudele ed a volte è particolarmente crudele con le persone alle quali ha donato un gran talento.
Auguro a John di trovare la forza per reagire a questo tragico evento e gli dò appuntamento al prossimo
concerto italiano, dove non mancherò di sostenerlo, felice di vederlo sul palco, pronto, con la sua sei corde, 
a regalare emozioni come ha sempre fatto.
 
Guarda avanti, John.
Cavalca le ali del domani.
 
Wings Of Tomorrow
         
 
You must be dreaming
Or going out of your mind
There’s no way of changing

The world over one night

Maybe you need to recover

From all the things you’ve been through

Maybe you need to discover
That it ain’t much left to do
 
Ride, ride, ride the wings of tomorrow
Ride, ride, ride to change the world

 
You feel sorry for the nation of 1984
And it cuts you like a razor

‘cause you’ve seen it all before
You’ve seen one war after another
So many lifes on the line

You must take care of one another

or it’s the end of time
 
Ride, ride, ride the wings of tomorrow
Ride, ride, ride to change the world
 
Annunci

 
 Jim Morrison era un gran cantante, più per carisma che per voce e,
 anche se non ho mai sopportato l’idolatria dei suoi seguaci perchè
 più basata sul personaggio e sul "fascino dello strafarsi"
 (personalmente le ritengo cazzate) che sugli effettivi valori artistici
 dell’uomo, i Doors sono stati una proposta culturale realmente rilevante.
 Mi hanno sempre convinto poco i lavori lettarari del riccioluto Jim
 (che probabilmente avrebbe desiderato più esser ricordato come poeta
 o cineasta piuttosto che come musicista), lavori troppo semplicistici e deboli
 ma che affascinano comunque per una loro ingenua acutezza.
 Ho qui raccolto alcuni suoi aforismi.
 Un saluto a tutti.
 
 Se devi vivere tutta la vita strisciando allora alzati e muori
 
 Quando sei triste e vorresti morire pensa a chi invece vorrebbe vivere ma sa di dover morire
 
 Non ho chiesto di nascere quindi fatemi vivere come cazzo mi pare
 
 Se un giorno ti svegli e non vedi il sole, o sei morto o sei il sole
 
 Non piangere se non vedi il sole, le lacrime ti impediranno di vedere le stelle
 
 A questo mondo anche i fiori piangono, solo gente stupida pensa che sia rugiada
 
 Ama ragazza, ama perdutamente, e se è peccato, ama il peccato e sarai innocente
 
 Non accontentarti dell’orizzonte: cerca l’infinito
 
 Non fuggire in cerca di libertà quando la tua più grande prigione è dentro di te
 
 La vita? una goccia di cristallo appesa ad un filo di seta che pende da un soffitto di cartapesta
 
 Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli trova sempre la forza di riprovarci
 
 Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare
 
                                                                                 Jim Morrison

8 Agosto 2006 – 8 Agosto 2008

 
 Ricordate la prima volta che avete stretto una bimba?
 Io sì.
 Son passati quasi due anni ormai
 ma non potrò mai dimenticare
 la sensazione che dà
 afferrare un sogno e stringerlo al proprio petto.
 A tutti i nostri abbracci futuri:
 che possano sempre racchiudere
 la timida dolcezza del primo istante.
 Ti amo, piccola stella.
 
Maybe I’m Amazed
 
Maybe I’m amazed at the way you love me all the time
Maybe I’m afraid of the way I love you
Maybe I’m amazed at the way you pulled me out of time
And hung me on a line
Maybe I’m amazed at the way I really need you

CHORUS:
Maybe I’m a man and maybe I’m a lonely man
Who’s in the middle of something
That he doesn’t really understand
Maybe I’m a man and maybe you’re the only woman
Who could ever help me
Baby won’t you help me understand

CHORUS

Maybe I’m amazed at the way you’re with me all the time
Maybe I’m afraid of the way I leave you
Maybe I’m amazed at the way you help me sing my song
You right me when I’m wrong
Maybe I’m amazed at the way I really need you

CHORUS

 

Da non prendere alla lettera

Treat Me Nice

   Trattami Bene

 

When I walk through that door

   Quando entro da quella porta
Baby be polite

   Sii gentile
You’re gonna make me sore

   Mi feriresti
If you don’t greet me right

   Se non mi dessi il benvenuto
Don’tcha ever kiss me once, kiss me twice

   Non baciarmi una volta sola, ma due
Treat me nice

   Trattami bene

I know that you’ve been told

   So che ti è stato detto
It’s not fair to tease

   Che non è bello importunare gli altri
So if you come on cold

   Così, se diventi fredda,
I’m really gonna freeze

   Io ghiaccerò
If you don’t want me to be, cold as ice

   Se non mi vuoi freddo come il ghiaccio

Treat me nice

   Trattami bene

Make me feel at home

   Fammi sentire a casa
If you really care

   Se mi ami davvero
Scratch my back and run your pretty

   Graffiami la schiena, e con le tue dita graziose
Fingers through my hair

   accarezzami i capelli

You know I’d be your slave

   Sai che ti servirei come uno schiavo
If you ask me to

   Se me lo chiedessi
But if you don’t behave

   Ma se non ti comporterai bene
I’ll walk right out on you

   Ti lascerò
If you want my love then take my advice

   Se vuoi il mio amore, segui il mio consiglio
Treat me nice

   Trattami bene